BLOGGING, come iniziare

Hai un’idea brillante nel cassetto? Hai pensato più volte di aprire un blog per condividerla con un pubblico di lettori e magari farne anche uno strumento di business, ma ancora non sai da dove cominciare?

Bene, questo è l’articolo che fa al caso tuo!

Cominciare un’attività di blogging è una cosa seria e farlo nel modo giusto e in maniera professionale può portare dei grandi risultati, sia che tu lo faccia per il puro piacere di scrivere sia che tu voglia guadagnare con la tua passione.


Perché aprire un blog

Un blog è una sorta di diario online utilizzato per pubblicare e condividere contenuti. Il superpotere di questo strumento è la capacità di intercettare ricerche informazionali, ovvero i bisogni di chi naviga per il web, permettendoti di scrivere articoli che rispondano a queste esigenze.

Chi naviga nel mare infinito della rete cerca risposte alle sue domande. Queste ricerche non sono direttamente legate ad un intento commerciale, ma possono essere il tuo gancio per arrivare a dei possibili clienti interessati e il tuo blog può essere l’arma segreta per sfruttare questi meccanismi dando manforte al sito.


Non è come credi!

Se però hai in mente un mondo dorato fatto di guadagni facili e VIP pass per eventi e inaugurazioni, SCORDATELO.

E’ importante sapere che questo è un percorso lungo e faticoso, costellato di grandi soddisfazioni ma anche di fallimenti, specie all’inizio. Comincia pianificando tutto il tuo percorso, avendo in mente un obiettivo chiaro, programmando gli argomenti che tratterai e le pubblicazioni in maniera costante.

Fare blogging in maniera professionale vuol dire avere in mente una strategia e le capacità per monitorare l’andamento di questo percorso, fissare una meta e avere gli strumenti per capire se ti stai muovendo nel modo giusto. Non sei sicuramente il primo blogger e non sarai l’ultimo, ma è possibile strutturare un progetto che ti permetta di inserirti in una nicchia e spiccare rispetto agli altri.


Da dove comincio?

Da qualche parte bisogna pur cominciare, quindi lanciati! Ma non nel vuoto. Prima di tutto, scegli con chiarezza l’argomento del tuo blog e ragiona sul progetto. Chi sei? Cosa ti piace? Di cosa vuoi parlare? Quali sono i tuoi valori?

Passo successivo, analizza la concorrenza. Individua chi parla del tuo stesso argomento e in che modo lo fa. Non potrai parlare nello stesso modo, quindi questa analisi ti servirà per cercare la tua strada e proporre contenuti originali.

Subito dopo studia il tuo target. E’ importantissimo avere bene in mente a chi ti rivolgi e in base a questo scegliere cosa dire e in che modo. Devi conoscere la tua audience e scrivere pensando ai tuoi lettori, solo così produrrai contenuti efficaci. Un blog di successo è sicuramente un blog con contenuti di qualità, ma la qualità verrà stabilita dai tuoi lettori, in base a quanto sarai “utile” e competente per loro.


I miracoli del content marketing

Obiettivo primario del tuo blog sarà aumentare le visite (e le vendite), arrivando ad un numero sempre maggiore di persone che ti leggono. Per fare questo avrà bisogno di un piano redazionale ben strutturato, per ottimizzare tempi e risorse e trarre il massimo dai tuoi sforzi.

Prima di tutto, crea una mappa mentale dei contenuti che verranno sviluppati. Ci sono dei validissimi strumenti online che ti aiuteranno in questo step, qui puoi trovarne alcuni che abbiamo testato.

Cerca di individuare gli argomenti da trattare in base alle richieste del tuo target, non solo pensando a ciò che ti piace. I tuoi articoli devono riuscire ad informare ed emozionare. Non solo il tuo lettore li troverà utili, ma riuscirà anche a immedesimarsi nelle le tue parole. Strumenti come Answer the Public ti saranno utilissimi per scoprire che domande vengono poste quotidianamente a Google, anche quelle che nessuno ha mai il coraggio di confessare. Intercetta il problema e proponi una soluzione! Ricorda anche di inserire la tua esperienza personale, più gli articoli sembreranno “umani” più i lettori si fideranno di te e non riusciranno a fare a meno dei tuoi consigli.

Adesso ti servirà un piano editoriale. Crea un calendario per gestire le tue pubblicazioni con ritmo e la giusta alternanza dei topic, ed essere costante nel tuo lavoro. Sì, perchè senza costanza non otterrai veramente nulla.

Basta un foglio excel per farlo, ma se ti serve una mano, Riccardo Esposito ha creato una miniguida su come creare un buon calendario editoriale su MySocial Web.


Sii chiaro!

Il bersaglio che devi centrare è riuscire a tenere incollato davanti al monitor il tuo lettore fino alla fine dell’articolo. Per fare questo devi dare tutte le informazioni necessarie nel minor tempo possibile, cercando di essere chiaro, eliminando il superfluo.

Ogni articolo deve avere un attacco che sia accattivante e che in poche righe chiarisca in maniera immediata di cosa parlerai nei paragrafi successivi. Allo stesso modo, la chiusura non può essere in discesa, non devi perdere la loro attenzione proprio alla fine, nel momento in cui lancerai la tua call to action. Mantieni alta l’attenzione per invitare all’azione chi sta leggendo, dopo averli convinti della tua autorevolezza riguardo il tema trattato.

Utilizza anche supporti visivi per rafforzare le tue parole. Foto, video, infografiche, illustrazioni interrompono la monotonia dello scritto, specie sono se di qualità.

La giusta formattazione del testo poi, ti aiuta immediatamente a rendere chiaro il messaggio al primo sguardo. Il grassetto, ad esempio, permette di individuare i concetti fondamentali solo scorrendo rapidamente l’articolo, creando una sintesi del testo attraverso le parole chiave. Sei tu a scegliere dove finirà lo sguardo di chi legge.

Un altro semplice e utilissimo consiglio per scrivere meglio è dividere in paragrafi il tuo articolo. La divisione facilita la lettura ed evita l’effetto scoraggiamento che si ha davanti ad un fitto muro di parole. La pagina deve respirare, strizzare l’occhio al lettore. Inoltre, è bene che ogni paragrafo contenga un’idea, magari suggerita da un sottotitolo.

Scegli un font leggibile, che non disturbi e sia piacevole e crea un contrasto netto tra il font e il fondo. Se il corpo del testo è molto corposo crea un un menu interno aiutandoti con le ancore, in modo che il lettore interessato solo ad uno specifico argomento riesca a trovarlo facilmente senza dover scorrere a vuoto la pagina.


Ed infine, cerca di coinvolgere i lettori!

Quale miglior modo per capire se i tuoi lettori gradiscono o condividono quello che scrivi se non… chiedendolo direttamente a loro?

Lascia uno spazio alla fine del tuo discorso in cui, oltre alla call to action, introduci uno spazio diretto di dialogo. Invitali a commentare, dai loro la parola, cerca di capire se sono soddisfatti o se cercano qualcosa di diverso. E da queste preziose informazioni crea dei nuovi contenuti. Devi sperimentare, fare dei test e cambiare rotta quando è necessario. Questo non cambierà con l’esperienza perché rappresenta un enorme margine di miglioramento a cui devi tendere l’orecchio.

Bene, adesso avrai le idee più chiare su come fare il primo passo nel mondo del blogging, ma se vuoi saperne di più ti consigliamo di non perdere il prossimo evento formativo in arrivo l’11 Maggio 2018. Per la seconda volta avremo l’onore di ospitare Riccardo Esposito di My Social Web, web writer professionista, autori dei testi FARE BLOGGING e ETNO BLOGGING PER TRIBù DIGITALI. Scrivici per saperne di più, i posti sono limitati!

Leave a comment