Social Media Marketing Oltremeta

SOCIAL NETWORK: AD OGNUNO IL SUO

SAPETE QUALI SONO I SOCIAL DA PRESIDIARE?

I social media sono gli strumenti che utilizziamo per condividere contenuti. Concretamente sono dei software: un gruppo di applicazioni basate sul Web 2.0 grazie alle quali è possibile lo scambio e la creazione di contenuti generati dagli stessi utenti. I “social network” rappresentano la “rete sociale” di persone che interagiscono in base ai diversi rapporti e interessi che li legano e spesso costruiscono una “community” proprio intorno alle loro passioni dando vita ad una struttura sociale fatta di relazioni tra individui, gruppi e organizzazioni. l social sono dunque un veicolo per interagire e condividere le informazioni con una community.

Oggi i mercati sono costituiti da vere e proprie conversazioni on line da ascoltare, analizzare e gestire. Bisogna partecipare in tempo reale a queste conversazioni per coinvolgere l’utente in maniera efficace ed opportuna.
Ma quali sono gli opinion leader, influencer di settore e i trend della rete che fanno presa sul modo di pensare, di agire dei fan e quindi dei consumatori?
La leva dell’empatia nei confronti del pubblico, in termini di strategia, permette di promuovere sui social in maniera efficace e discreta il proprio settore.
Ma per attrarre l’audience digitale ed ottimizzare le risorse incrementando proficuamente il Social Media ROI (Return of Investment) qual è il primo passo da fare? Sicuramente è consigliabile partire da un’analisi che permetta di pianificare il proprio intervento basandosi sugli obiettivi e sulle caratteristiche dell’attività. Ciò ne determina modi e tempi. Ogni settore (e più in specifico ogni servizio e prodotto) necessita di differenti canali e contenuti in virtù delle proprie peculiarità.

comunque più di una best practice da tener presente che può essere valida per tutti i campi come ad esempio:

  • inserire la pianificazione delle attività di WebMarketing all’interno e in funzione del piano di Marketing tradizionale;
  • rimanere sempre al passo con le funzionalità e l’interfaccia dei Social. Se il Social cambia “aspetto” bisogna sempre adattare i contenuti;
  • mantenere un tono friendly ed immediato evitando banalità e trivialità. E’ importante dare qualcosa che sia interessante, un valore aggiunto;
  • autenticità dei contenuti, una regola è “scrivi quello che ti piacerebbe leggere”. Non bombardare l’audience con il prodotto ma raccontane una storia. Questo permette di non annoiare i follower;
  • fruibilità, correttezza e pulizia dei contenuti. Ad esempio organizzare le immagini in album, non utilizzare il maiuscolo (nel Web equivale ad alzare la voce), scrivere periodi brevi, non inventare hashtag, non postare lo stesso contenuto più volte di seguito, non accentare le parole con l’apostrofo etc.
  • monitorare i feedback per stabilire un oculato orario di pubblicazione;
  • monitorare i competitor ed imparare dai loro errori come dai loro successi;
  • incrociare i Social e farli interagire coordinandoli anche con il sito Web

Sarebbe bene partire sempre dalle buoni prassi che fungono da minimo comun denominatore. Bisognerebbe poi declinare il proprio piano di comunicazione digitale cercando di comprendere quale Social sia più adatto all’azienda cogliendone così al meglio le opportunità. Se si opera nel mercato russo ad esempio sarebbe inutile investire tutte le risorse e il budget su Facebook ignorando “ВКонтакте” (VKontakte), il network più diffuso.

E voi sapete di che Social avreste bisogno?

Leave a comment