VISUAL THINKING – Il pensiero si fa immagine

VISUAL THINKING – Il pensiero si fa immagine

Bombardamenti continui di informazioni e dati. Estremizzazione del linguaggio verbale. Connessioni globali e perenni. Questa è la realtà in cui ci troviamo… ma qualcosa sta cambiando!

Qualcuno di voi avrà notato la crescita del numero di immagini a cui siamo sottoposti: siti internet, social media, presentazioni aziendali, ecc. sono sempre più scarni di descrizioni e più ricchi di immagini. Perché? Perché sta crescendo la consapevolezza che tutti noi abbiamo un pensiero visuale, il VISUAL THINKING: il nostro cervello può decodificare le immagini in maniera immediata, senza il bisogno di elaborazioni e spiegazioni complesse.

Secondo Howard Gardner, professore alla Harvard Graduate School of Education, l’intelligenza visuale è una delle 8 intelligenze possedute dall’essere umano e consiste nella capacità di riconoscere delle figure in uno spazio più o meno esteso.
Già Ferdinand de Saussure, fondatore della linguistica strutturale, aveva differenziato, nel suo concetto di lingua, il significante ed il significato, ovvero il segno linguistico, uditivo o grafico, con l’immagine che esso rappresenta, imprescindibile per l’utilizzo del linguaggio.
Ian Robertson individua invece l’intelligenza visiva come un “sesto senso” che tutti possiedono fin da bambini, ma che si perde crescendo e che quindi va allenato.

È il sovraccarico di informazioni che ha portato l’uomo moderno ad abbandonare l’approccio visivo, ma allo stesso tempo è proprio per questa grande quantità di dati che vengono trasmessi che bisogna essere in grado di esaminare e selezionare i messaggi. Dobbiamo quindi trovare un modo per attirare l’attenzione del nostro pubblico, per snellire i nostri messaggi e renderli memorabili.

In nostro aiuto viene quindi l’immagine, che racchiude in sé grandi significati e riesce a trasmetterli in modo istantaneo, prima ancora di riuscire consciamente a rendercene conto. Le informazioni possono essere veicolate in maniera creativa, superando le barriere linguistiche e comportamentali con un linguaggio universale, quello figurativo, che permette anche di sviluppare nuovi punti di vista e favorisce quindi il problem-solving.

Immaginate di dover riunire il vostro staff per spiegare un nuovo processo aziendale.
Cosa credete che sia più efficace, una presentazione a voce magari accompagnata da una slide di solo testo, oppure delle immagini che siano esplicative e che contengano dei semplici concetti chiave che poi saranno eventualmente ampliati?

processo slide

infografica_visual_thinking

Ma quali sono le rappresentazioni grafiche che possiamo utilizzare all’interno del nostro business?

Qualsiasi trasposizione, sotto forma di immagine, di idee, concetti, statistiche e processi, purché sia diversa dal solito testo lungo e noioso, o almeno che lo affianchi e lo snellisca, lavorando per metafore e affinità, rendendolo più facilmente fruibile e sfruttando in maniera coerente lo spazio a disposizione, in modo che sia chiaro il percorso mentale da seguire.

Ecco alcuni esempi di rappresentazioni grafiche:

• MAPPE CONCETTUALI: da un concetto primario posizionato al centro, si diramano in tutte le direzioni quelli ad esso connessi. Possono essere utili per stilare una bozza di una presentazione aziendale, in cui si partirà da un valore o da un prodotto centrale, per poi sviluppare tutte le caratteristiche accessorie; permettono di riprodurre nero su bianco un momento di brainstorming, dando una coerenza ad una serie di idee inizialmente sconnesse;

• DIAGRAMMI DI FLUSSO: simili alle mappe concettuali, si diramano però generalmente in una sola direzione. Sono molto efficaci per descrivere i processi aziendali, la cui rappresentazione necessita di una successione temporale e logica;

• GRAFICI: danno una lettura immediata di dati e percentuali e possono quindi essere utili per la presentazione e la lettura dei bilanci aziendali, dando un immediato colpo d’occhio. Ne esistono di diversi tipi, a seconda delle necessità e della tipologia di dati da rappresentare;

• INFOGRAFICHE: sono delle immagini in cui vengono rappresentati diversi tipi di dati attraverso l’unione di tabelle, icone, grafici ecc. che vanno a creare delle grafiche accattivanti, che si discostano dalle rappresentazioni convenzionali, rendendo il messaggio più impattante e più immediato.

Se vogliamo utilizzare degli strumenti digitali invece di produrli manualmente, sfruttare dei programmi gratuiti come XMind e Visage, in particolare per grafici, diagrammi e mappe, è sicuramente utile e facilitante. Un programma molto completo è inoltre Piktochart, con molte funzioni da poter sfruttare, anche per le infografiche, così come Infogr.am. Questi, attraverso l’uso dei pittogrammi, ovvero delle immagini stilizzate e universalmente comprensibili, permettono di rappresentare dei concetti complessi in maniera molto semplice.

L’utilizzo di questi strumenti per il visual thinking trova quindi le fondamenta in principi di linguistica radicati da tempo, secondo cui non esistono pensiero e linguaggio senza immagini. Per la capacità universale di leggere le immagini in modo immediato, le rappresentazioni grafiche possono aiutare a selezionare, tra l’enorme quantità di dati a cui siamo sottoposti, solo quelli essenziali. Esistono diversi modi per riprodurre i messaggi in immagini: alcune esemplificazioni possono essere le mappe concettuali, i diagrammi di flusso, i grafici e le infografiche. Ognuna di queste permette, attraverso una schematizzazione diversa, di sintetizzare e veicolare efficacemente le informazioni necessarie ed essenziali alla comunicazione.

Ora non vi resta che mettervi in gioco e scatenare la vostra creatività ed il vostro visual thinking.
Per essere sempre informati sulle tendenze e gli strumenti più all’avanguardia, non dimenticate di iscrivervi alla nostra newsletter e seguirci sulle nostre pagine social!

Leave a comment